Instagram

Instagram

martedì 15 novembre 2016

UNITRE 2° LEZIONE Papa Francesco, Trump e Putin LA 3^ GUERRA MONDIALE COMBATTUTA A TRATTI “I cavalli dei cosacchi si abbevereranno nelle fontane di Piazza San Pietro”



CIVITAVECCHIA Lunedì 21 novembre, ore 17.00

UNITRE - via A.Frangipani 8 (traversa v.le Baccelli)

Prof. Livio Spinelli - 2^ lezione

Papa Francesco, Donald Trump e Putin
LA 3^ GUERRA MONDIALE COMBATTUTA A TRATTI
I cavalli dei cosacchi si abbevereranno nelle fontane di Piazza San Pietro


             Il prof. Livio Spinelli lunedì 21 novembre, alle ore 17.00 all’UNITRE, via A.Frangipani n.8 Civitavecchia, terrà la seconda di 5 lezioni, sul confronto/scontro di idee di Papa Francesco, Putin e del neoeletto Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, sul tema: “ la 3^ GUERRA MONDIALE COMBATTUTA A TRATTI NON E’ RELIGIOSA MA ECONOMICA ”. Una carrellata storica sulle crisi economiche dal 1929 a quella dei mutui subprime del 2008, fine all’attuale rischio di collasso della finanza mondiale e al salvataggio di DEUTSCHE BANK.
            Mentre assistiamo alla crisi degli Stati Uniti e del dollaro, la VISIONE PROFETICA di San Giovanni Paolo II d’una Europa Unita dall’Atlantico agli Urali pare appannarsi, il riavvicinamento della GERMANIA alla RUSSIA lascia intravvedere all’orizzonte il disegno di “MOSCA –TERZA ROMA”, e c’è già chi scrive di un prossimo Papa Russo “PRIMO INTER PARES” a capo della Chiesa di Roma, e “dei cavalli dei cosacchi che si abbevereranno nelle fontane di Piazza San Pietro”. In ciascuna lezione vengono esaminati i vari aspetti di questa guerra: le alleanze militari, i corridoi in cui transiteranno gli oleodotti e gasdotti che si incrociano in Siria nella città dove secondo l’escatologia cristiana e musulmana ci sarà l’ARMAGEDDON: la battaglia finale; le “bombe finanziarie” e la fine dei petrodollari, la nuova via della seta che sta unendo la Cina alla Russia e all’Europa, la “SCIENZA DELLA DISINFORMAZIANE”: nuova potentissima arma non convenzionale impiegata in questa guerra, unitamente alla guerra cibernetica con l’intercettazione, l’alterazione e distruzione delle informazioni e dei sistemi di comunicazione nemici, l’attacco a infrastrutture come: servizi energetici, idrici, di combustibili, di comunicazioni, commerciali e dei trasporti.