Instagram

Instagram

sabato 20 giugno 2015

ROGO DI BIBLIOTECHE E LIBRI - CRONOLOGIA e STORIA

 BERLINO 10 maggio 1933 

IL ROGO DELLA BIBLIOTECA DI ALESSANDRIA D'EGITTO

I libri sibillini venivano conservati in una camera scavata sotto il tempio di Giove Capitolino,  bruciarono in un incendio nell'83 a.C. e si tentò di ricostruirli cercandone i testi presso altri templi e santuari. Queste nuove raccolte furono ricollocate nel tempio di Apollo Palatino grazie all'interessamento dell'imperatore Augusto.
« [Augusto, divenuto pontefice massimo,] radunò tutte le profezie greche e latine che [...] erano tramandate tra il popolo, circa duemila, e le fece bruciare. Conservò solo i libri sibillini e, dopo un'attenta selezione, li pose in due armadi dorati ai piedi della statua di Apollo Palatino. »
(Svetonio, Augustus, 31.)

Rimasero presso il tempio di Apollo Palatino fino al V secolo, dopo di che se ne persero le tracce. Rutilio Namaziano nel suo poema De Reditu suo accusa aspramente il generale Stilicone di averli bruciati nel 408.


Antichità

Distruzione di Ebla

La distruzione di Ebla 2240 aC, poi nel 1600 aC.

Distruzione di Mari

Distruzione di Mari nel 1765 aC.

Distruzione di Alalakh

Distruzione di Alalakh circa 1200 aC.

Distruzione di Ugarit

La distruzione di Ugarit 1180 aC.

Biblioteca di Assurbanipal (dai Babilonesi, Sciti e Medi)

Nel 612 aC la capitale assira Ninive fu distrutta da una coalizione di Babilonesi , Sciti e Medi . Durante l'incendio del Palazzo Reale, un grande incendio devastò la biblioteca di Assurbanipal , dove lo studioso re Assurbanipal aveva accumulato un gran numero di testi e tavolette provenienti da vari paesi. Gli storici moderni ritengono che la biblioteca può aver contenuto un numero considerevole di testi scritti su tali mezzi come rotoli di cuoio, tavole di cera, ed eventualmente papiri - tutti vulnerabili al fuoco. Tuttavia, il numero considerevole di argilla tavolette cuneiformi divenne parzialmente cotto. Così, paradossalmente, questo evento potenzialmente distruttivo aiutato preservare le compresse, che si trovava nella terra e sono stati poi trovati dagli archeologi del 19 ° secolo.

Libri di filosofia cinese (da Imperatore Qin Shi Huang e ribelli anti-Qin)

Seguendo il consiglio del ministro Li Si , l'imperatore Qin Shi Huang ordinò il rogo di tutti i libri di filosofia e libri di storia provenienti da Stati diversi da Qin - a partire dal 213 aC. Questa è stata seguita dalla sepoltura diretta di un gran numero di intellettuali che non rispettano il dogma dello Stato.
Li Si è segnalato per aver detto: "Io, tuo servo, propongo che tutti i record dello storico diversi da quelli di Qin di . essere bruciati Con l'eccezione degli accademici il cui dovere comprende possedere libri, se qualcuno sotto il cielo ha le copie del Shi Jing , il Classico della Storia , o gli scritti dei cento scuole di filosofia , essi li [libri] consegnare al governatore o il comandante per la masterizzazione. Chiunque osi discutere la Shi Jing o Classico della Storia sono eseguite pubblicamente. Chiunque utilizza la storia di criticare il presente avrà la sua famiglia giustiziato. Qualsiasi funzionario che vede le violazioni, ma non si presenta loro è ugualmente colpevoli. Chiunque abbia omesso di bruciare i libri dopo trenta giorni di questo bando potrà essere sottoposto a tatuaggi ed essere inviati per costruire la Grande Muraglia . I libri che hanno l'esenzione sono quelle sulla medicina, divinazione , l'agricoltura e la silvicoltura . Coloro che hanno interesse per le leggi devono invece studiare da funzionari. "
Il danno alla cultura cinese è stato aggravato durante le rivolte che si è conclusa la breve regola di Qin Shi Er , figlio di Qin Shi Huang. Il palazzo e statali archivi imperiali sono stati bruciati, distruggendo molti dei record che rimangono scritte che erano state risparmiate dal padre.
Diversi altri roghi di libri di grandi dimensioni si è verificato anche nella storia cinese. Sembra si sono verificati in ogni dinastia dopo la Qin, ma non si sa con quale frequenza.

Protagora di "On the Gods" (da parte delle autorità ateniesi)

Il filosofo greco classico Protagora era un sostenitore di agnosticismo, la scrittura in un lavoro ormai perduta intitolata On the Gods: "Per quanto riguarda gli dèi, non ho modo di sapere se esistano o meno o di che tipo esse siano, a causa della oscurità del soggetto, e la brevità della vita umana. Secondo Diogene Laerzio , la posizione Agnostico schietto sopra scattata da Protagora suscitato rabbia, provocando gli Ateniesi di espellerlo dalla loro città, dove le autorità hanno ordinato tutte le copie del libro da raccogliere e bruciato sul mercato. La stessa storia è menzionato anche da Cicerone . Tuttavia, il classicista John Burnet dubita di questo conto, sia come Diogene Laerzio e Cicerone hanno scritto centinaia di anni più tardi e nessuna di tali persecuzioni di Protagora è citato dai contemporanei che fanno ampi riferimenti alla questo filosofo. Burnet rileva che, anche se sono state bruciate alcune copie del libro Protagora ', abbastanza di loro sopravvissero ad essere conosciuto e discusso nel secolo successivo.

Scritture zoroastriani e archivi reali persiani (di Alessandro Magno)

La combustione di Persepolis / Pārśapura, capitale cerimoniale del Impero achemenide , è stata una delle macchie sul record di Alessandro Magno , in contrasto con gli sforzi che altrimenti fatto di agire con umanità verso i persiani sconfitti. Vari conti attribuiscono a un incidente, una baldoria ubriaco dai soldati di Alessandro, o di un atto deliberato di vendetta per la combustione dei Acropoli di Atene dai Persiani secoli prima. Non c'era evidentemente alcun Targeting intenzionale di libri e materiale scritto, ma - anche se non menzionato nei conti greci e latini - tale distruzione è stato determinato da l'impostazione sul fuoco della palazzi fatti per lo più di legno di cedro altamente combustibile. Il Libro di Arda Wiraz, un zoroastriano lavoro composto nel 3 ° o 4 ° secolo dC, menziona la distruzione degli archivi reali "scritto su di preparati cow-pelli, e con inchiostro d'oro" e tra cui anche "tutta la Avesta (zoroastriano Scritture) e Zend (commentraries) ". Il Bundahishn - un encyclopædiaic collezione di zoroastriano cosmogonia e cosmologia - si riferisce anche a "Aleskandar" (Alexander) dopo aver bruciato il Avesta dopo la sua sconfitta di "Dara" ( Dario III ). Per questo atto di sacrilegio, il nome di Alessandro è stato regolarmente accompagnato nei testi zoroastriani dal appelation Gojastak o Gojaste (The Damned). Non più tardi l'annuncio 10 ° secolo, il nativo scrittrice iraniana Biruni , nel suo La cronologia delle nazioni antiche, citato con rammarico la perdita di fonti storiografiche a causa di che la combustione.

Libri sacri ebraici (da parte del monarca seleucide Antioco IV)

Nel 168 aC il seleucide monarca Antioco IV ordinò ebrei 'Libri della Legge' trovato in Gerusalemme per essere 'affitto a pezzi' e bruciato - parte della serie di persecuzioni, che hanno scatenato la rivolta dei Maccabei .

Eneide (senza successo ordinata da Virgilio)

Nel 17 aC, Virgilio morì e nel suo testamento dispose che il suo capolavoro, l' Eneide , essere bruciato, come è stato un progetto e non una versione finale. Tuttavia, i suoi amici lo disobbedito e rilasciato il poema epico dopo la modifica da soli.

Libro di storia romana (dagli edili)

In 25 CE senatore Aulo Cremutius Cordo fu costretto a suicidarsi e la sua storia è stata bruciata dagli aediles , sotto l'ordine del senato . L'elogio del libro di Bruto e Cassio , che aveva assassinato Giulio Cesare , era considerato un reato ai sensi della lex maiestatis . Una copia del libro è stato salvato dalla figlia Cordo 'Marcia, e fu pubblicato di nuovo sotto Caligola . Tuttavia, solo pochi frammenti sopravvissuti al presente.

Torah scorrimento (da soldato romano)

Giuseppe Flavio riferisce che circa l'anno 50 un soldato romano sequestrato un rotolo della Torah e, con linguaggio offensivo e beffardo, bruciato in pubblico. Questo incidente ha portato quasi in una rivolta ebraica generale contro la dominazione romana, come ad esempio scoppiò due decenni più tardi. Tuttavia, il romano procuratore Cumanus placato la popolazione ebraica decapitando il colpevole.

Scorre Stregoneria (per primi convertiti al cristianesimo a Efeso)

Secondo l'. "(Atti 19:19, NR )

Rabbi Haninah ben Teradion bruciato con un rotolo della Torah (sotto Adriano)

Sotto l'imperatore Adriano , l'insegnamento delle Scritture del popolo ebraico era vietato, come, sulla scia della barra Kochva Ribellione, le autorità romane considerato tale insegnamento come sediziosi e tendente rivolta. Haninah ben Teradion , uno degli ebrei Dieci Martiri eseguiti per dopo aver sfidato questo divieto, è segnalato per essere stato bruciato sul rogo insieme al proibito Torah rotolo che aveva insegnato. Secondo la tradizione ebraica, quando la fiamma ha iniziato a bruciare se stesso e il rotolo è riuscito ancora a dire ai suoi allievi: "Vedo i rotoli in fiamme, ma le lettere volare in aria" - un modo di dire considerato a simboleggiare la superiorità delle idee forza bruta. Mentre nell'originale applicare agli scritti sacri solo, scrittori israeliani 20 ° secolo anche citato questo detto, nel contesto degli ideali non religiose.

Masterizzazione della Torah da parte Apostomus (tempo preciso e le circostanze dibattute)

Tra cinque catastrofi dice che hanno superato gli ebrei sulla diciassettesima Tammuz , la Mishnah comprende "l'incendio della Torah da parte Apostomus ". Poiché non vengono forniti ulteriori dettagli e non ci sono altri riferimenti a Apostomus nelle fonti ebraiche e non ebraiche, l'ora esatta e le circostanze di questo evento traumatico si dibattono, gli storici assegnando ad essa date differenti in storia ebraica sotto seleucide o il dominio romano, e potrebbe essere identico a uno degli eventi descritti sopra (vedi Apostomus pagina).

Il libro di Epicuro (in Paflagonia)

Il libro Fondata credenze di Epicuro è stato bruciato in un Paflagone mercato per ordine del ciarlatano Alexander, presunto profeta di Ascapius ca 160

Scritture manichee e cristiani (da Diocleziano)

Il Diocletianic persecuzione è iniziata il 31 marzo 302, con l'imperatore romano Diocleziano , in un rescritto di Alessandria, ordinando che i leader manichei essere bruciati vivi insieme ai loro Scritture. Questa era la prima volta che una persecuzione imperiale romana mai chiamato per la distruzione di letteratura sacra. L'anno successivo, il 23 febbraio, 303, Diocleziano ordinò che la chiesa cristiana di nuova costruzione a Nicomedia essere rasa al suolo, le sue scritture bruciate, ei suoi tesori sequestrato. Persecuzioni successive inclusi la combustione sia dei stessi e dei loro libri cristiani. Come riferito in seguito Christian Agiografia , a quel tempo il governatore del Valencia ha offerto il diacono che sarebbe diventato noto come San Vincenzo di Saragozza per avere la sua vita risparmiata in cambio del suo consegnare la Scrittura al fuoco. Vincent rifiutò e lasciò eseguito invece. In dipinti religiosi è spesso raffigurato con il libro cui conservazione ha preferito la propria vita (vedi illustrazione a Saint Vincent di Saragozza pagina.)

Libri di arianesimo (dopo il Concilio di Nicea)

I libri di Ario e dei suoi seguaci, dopo il primo Concilio di Nicea (325 dC), sono stati bruciati per eresia dall'imperatore romano Teodosio I che ha pubblicato un decreto comandante che, "la dottrina della Trinità dovrebbe essere abbracciato da coloro che sarebbero chiamati cattolici,. che tutti gli altri debbano sopportare il nome infame di eretici " Ario fu esiliato e presumibilmente assassinato in seguito, e libri ariani hanno continuato ad essere regolarmente bruciato nelle 330s.

Biblioteca di Antiochia (da Gioviano)

Nel 364, il cristiano imperatore Gioviano ha ordinato l'intera biblioteca di Antiochia da bruciare. Era stato pesantemente rifornito con l'aiuto del suo predecessore non cristiano, l'imperatore Giuliano .

"Scritti inaccettabile" (da Atanasio)

Elaine Pagels sostiene che nel 367, Atanasio ordinato monaci della Chiesa ortodossa copta di Alessandria nel suo ruolo di vescovo di Alessandria per distruggere tutti gli scritti "inaccettabili" in Egitto , l'elenco di scritti da salvare costituisce il Nuovo Testamento .

I libri sibillini (diverse volte)

I Libri Sibillini erano una raccolta di detti oracolari. Secondo il mito, la cumana sibilla offerto Lucio Tarquinio il Superbo i libri per un prezzo elevato, e quando ha rifiutato, bruciato tre. Quando ha rifiutato di acquistare i restanti sei allo stesso prezzo, ha di nuovo bruciato tre, infine, costringendolo a comprare gli ultimi tre al prezzo originale. Il sacris quindecimviri faciundis vegliava i libri superstiti del Tempio di Giove Ottimo Massimo , ma non poteva impedire loro di essere bruciato quando il tempio distrutto da un incendio nel 83 aC. Essi sono stati sostituiti da una simile raccolta di detti oracolari provenienti da tutto il Mediterraneo, nel 76 aC, insieme con i detti del Sibilla Tiburtina , e poi controllati dai sacerdoti per la precisione percepita rispetto agli originali bruciate. Questi rimasero fino per motivi politici sono stati bruciati da Flavio Stilicone (408 morti).

Scritti di Priscilliano

Nel 385, il teologo Priscilliano di Ávila è diventato il primo cristiano ad essere eseguito da altri cristiani come eretica . Alcuni (ma non tutti) i suoi scritti furono condannati come eretico e bruciato. Per molti secoli sono stati considerati irreversibilmente perdute, ma le copie superstiti sono stati scoperti nel 19 ° secolo.

Etrusca Disciplina

Etrusca Disciplina, gli etruschi libri di culto e divinazione, sono stati raccolti e bruciati nel 5 ° secolo.

Libri Nestorio '(da Teodosio II)

I libri di Nestorio , dichiarate eresia , sono stati bruciati in un editto di Teodosio II (435). Gli originali greci della maggior parte scritti furono irrevocabilmente distrutti, sopravvivendo principalmente in siriaco traduzioni.

Medioevo

Archivi di Ctesifonte (durante la conquista araba)

L'.
Gli studiosi moderni hanno colato dubbio su questo incidente. Ad esempio, Franz Rosenthal , studioso dell'Islam nella Yale University cita nella sua traduzione di Il Muqaddimah dove si parla di questo episodio:
Si tratta di una variante della famosa leggenda, secondo la quale 'Umar ordinò la distruzione della biblioteca di Alessandria celebre.
Bernard Lewis studioso di studi orientali a Princeton University in un articolo sfatare il mito che la "grande biblioteca di Alessandria fu distrutta dagli arabi dopo la loro conquista "cita:
Lo storico 14 ° secolo Ibn Khaldun racconta una storia quasi identica per quanto riguarda la distruzione di una biblioteca in Persia, anche per ordine del califfo 'Umar, dimostrando così il suo carattere folcloristico.
Touraj Daryaee , Professore nella storia dell'Iran e del mondo Persianate presso l'Università di California, Irvine descrive quello che è successo ai libri antichi persiani:
La mancanza di libri antichi persiani non è né a causa di essere bruciato da arabi musulmani, né perché sono stati mai scritti.
Secondo lui, perché gli iraniani cambiato la loro lingua dopo la conquista musulmana della Persia hanno smesso di riprodurre libri antichi persiani e quindi quelli si estinsero.

Distruzione ripetuta di biblioteche Alexandria

La biblioteca del Serapeo di Alessandria è stato cestinato, bruciato e saccheggiato, 392, al decreto di Teofilo di Alessandria , che è stato ordinato in modo da Teodosio I . Intorno allo stesso tempo, Ipazia è stato assassinato. Uno dei più grandi distruzioni di libri si è verificato presso la Biblioteca di Alessandria , tradizionalmente ritenuta in 640; tuttavia, gli anni precisi non sono noti come lo sono se i fuochi fossero intenzionali o accidentali.

Testi coranici con diversi formulazione (ordinate per il 3 ° Califfo, Uthman)

Uthman ibn 'Affan , il terzo califfo dell'Islam dopo Maometto , che è accreditato di sorvegliare la raccolta dei versetti del Corano , ha ordinato la distruzione di qualsiasi altro testo rimanente contenente versetti del Corano dopo che il Corano è stato pienamente raccolto, circa 650 Ciò è stato fatto per garantire che la raccolta e la copia autenticata coranica che Uthman ha raccolto divenne la fonte primaria per gli altri a seguire, garantendo in tal modo che la versione di Uthman del Corano è rimasta autentica. Anche se il Corano fosse stato propagato principalmente attraverso la trasmissione orale, ma anche era già stato registrato in almeno tre codici , soprattutto, il codice di Abdullah ibn Mas'ud a Kufa , e il codice di Ubayy ibn Ka'b in Siria . A volte tra il 650 e il 656, una commissione nominata dal Uthman si crede di aver prodotto una versione singolare in sette copie, e Uthman si dice che "inviato a ogni provincia musulmano una copia di ciò che avevano copiato, e ordinò qualsiasi altro coranico materie, anche scritto in manoscritti frammentari o copie intere, essere bruciati. "

Competere libri di preghiera (a Toledo)

Dopo la conquista dei commenti in con la sua straordinaria solida pergamena , adotterà ogni ipotesi di Divina Interposizione qui. "

Abelardo costretto a bruciare il suo libro (a Soissons)

Il provinciale sinodo tenuto a Soissons (in Francia) nel 1121 ha condannato gli insegnamenti del famoso teologo Pietro Abelardo come eresia ; fu costretto a bruciare il suo libro prima di essere rinchiuso all'interno del convento di San Medardo a Soissons.

Gli scritti di Arnaldo da Brescia (a Francia e Roma)

Il ribelle monaco Arnaldo da Brescia - allievo e collega di Abelardo - si rifiutò di abiurare le sue idee dopo che sono stati condannati al Sinodo di Sens nel 1141, ed ha continuato a guidare il Comune di Roma, in diretta opposizione al Papa, fino a essere giustiziato nel 1155 . La Chiesa ha ordinato il rogo di tutti i suoi scritti, che è stata effettuata in modo così completo che nessuno di loro sopravvive e non si sa nemmeno cosa fossero - ad eccezione di quello che si evince dalle polemiche contro di lui. Tuttavia, anche se nessuna parola scritta di Arnold è sopravvissuto, i suoi insegnamenti sulla povertà apostolica continuato potente dopo la sua morte, tra le "arnaldisti" e più ampiamente tra valdesi e dei Francescani Spirituali .

Nalanda Università

La biblioteca di Nalanda , noto come Dharma Gunj (Mountain of Truth) o Dharmagañja (Tesoro della Verità), è stato il più celebre repository di buddisti e indù conoscenza del mondo al momento. La sua collezione è stato detto di comprendere centinaia di migliaia di volumi, così estesa che ha bruciato per mesi quando è impostato fiamme dagli invasori musulmani nel 1193.

Samanid Dynasty Biblioteca

La Biblioteca Reale della dinastia Samanid fu bruciato a cavallo del 11 ° secolo durante l'invasione turca da est. Avicenna è stato detto di aver cercato di salvare i preziosi manoscritti dal fuoco mentre le fiamme avvolsero la collezione.

Scritti buddisti nelle Maldive

A seguito della conversione delle Maldive all'Islam nel 1153 (o da alcuni conti nel 1193), il buddista religione - finora religione di stato per più di mille anni - è stato soppresso. Il documento rame piatto conosciuto come Dhanbidhū Lōmāfānu fornisce informazioni sugli eventi nel sud Haddhunmathi Atoll , che era stata un importante centro del buddismo - dove furono decapitati, i monaci e le statue di Vairocana , il trascendente Buddha , sono stati distrutti. A quel tempo, anche la ricchezza di manoscritti buddisti scritti su screwpine foglie dai monaci maldiviani nei loro monasteri buddisti era o bruciato o altro in modo completamente eliminato che è scomparso senza lasciare alcuna traccia.

Distruzione di testi catari (regione Languedoc della Francia)

Nel corso del 13 ° secolo, la Chiesa cattolica ha condotto una brutale campagna contro i catari della Linguadoca (numeri più piccoli anche vissuto altrove in Europa), si conclude con la Crociata contro gli Albigesi . Quasi ogni catara testo che potrebbe essere trovato è stato distrutto, nel tentativo di estirpare completamente le loro credenze eretiche; solo alcuni sono noti per essere sopravvissuto.

Filosofia di Maimonide '(a Montpellier)

Maimonide importante lavoro filosofico e teologico "," Guida dei perplessi ", ha reazioni molto contrastanti da altri ebrei del suo e successive volte - alcuni venerare e considerare quest'ultimo come un trionfo, mentre altri considerano molte delle sue idee eretiche , divieto che e in alcune occasioni bruciare copie. Uno di questi masterizzazione ha avuto luogo presso Montpellier , nel sud della Francia, nel 1233.

Il Talmud (a Parigi), primo di molti incendi nel corso dei secoli successivi

Nel 1242, La corona francese ha bruciato tutti Talmud copie di Parigi, circa 12.000, dopo che il libro è stato "accusato" e "colpevole" nel processo di Parigi a volte chiamato "il dibattito di Parigi". Questi roghi di libri ebraici sono stati avviati da Papa Gregorio IX , che convinse il re francese Luigi IX di perseguirlo. Questo particolare bruciore libro è stato commemorato dal tedesco rabbino e poeta Meir di Rothenburg in elegia (kinna) chiamato "Chiedi, O voi che siete bruciati nel fuoco" (שאלי שרופה באש), che viene recitato fino ad oggi da ebrei Ashkenazi sul veloce di Tisha B'Av .
Dal momento che la Chiesa e gli stati cristiani hanno il Talmud come un libro odioso e offensivo verso Cristo e gentili, papi successivi erano noti anche per organizzare roghi pubblici di libri ebraici. Il più noto di loro erano Innocenzo IV (1243-1254), Clemente IV (1256-1268), Giovanni XXII (1316-1334), Paolo IV (1555-1559), Pio V (1566-1572) e Clemente VIII ( 1592-1605).
Una volta che la stampa è stata inventata, la Chiesa si è trovata nell'impossibilità di distruggere intere edizioni a stampa del Talmud e di altri libri sacri. Johann Gutenberg , il tedesco che ha inventato la stampa intorno al 1450, ha certamente contribuito sradicare l'efficacia di ulteriori roghi di libri. La tolleranza (per l'epoca) politiche di Venezia ne fece un centro per la stampa di libri ebraici (come di libri in generale), ma il Talmud fu pubblicamente bruciato nel 1553 e ci fu un ardente meno noto di libri ebraici nel 1568.

Rabbi Nachmanide 'conto della Disputa di Barcellona (da Domenicani)

Nel 1263 la Disputa di Barcellona si è tenuta davanti al re Giacomo I d'Aragona tra il monaco Pablo Christiani (un convertito dal giudaismo) e Rabbi Moses ben Nachman (noto anche come Nachmanide ). Alla fine di dispute, re Nachmanide assegnato un premio in denaro e dichiarato che mai prima aveva sentito "una causa ingiusta così nobilmente difeso." Slater, Elinor e Robert (1999): Great Moments in Jewish History Jonathan David Company, Inc... p.168 Poiché i domenicani, tuttavia, hanno sostenuto la vittoria, Nahmanide sentì in dovere di pubblicare la polemica. I domenicani affermato che questo conto è stato bestemmie contro il cristianesimo. Nahmanides ha ammesso di aver detto molte cose contro il cristianesimo, ma aveva scritto nulla che non aveva usato nella sua dispute in presenza del re, che gli aveva concesso la libertà di parola. La giustizia della sua difesa è stato riconosciuto dal Re e dalla Commissione, ma per soddisfare la domenicani Nahmanide fu esiliato e il suo pamphlet fu condannato ad essere bruciato.

La Casa della biblioteca Sapienza (a Baghdad)

La Casa della Sapienza è stato distrutto durante l' invasione mongola di Baghdad nel 1258, insieme a tutte le altre biblioteche di Baghdad . Si diceva che le acque del Tigri correvano nero per sei mesi con inchiostro dalle enormi quantità di libri buttati nel fiume.

Libri e scritti Lollard (dal diritto inglese)

Il De heretico comburendo ("Sulla roghi degli eretici"), una legge approvata dal Parlamento inglese sotto il re Enrico IV d'Inghilterra nel 1401, aveva lo scopo di stroncare " eresia ", e in particolare la Lollard movimento, seguaci di John Wycliffe . La legge afferma che "... i subacquei falsi e le persone perversi di una certa nuova setta ... fare e scrivere libri, [e] non perfidamente istruire e informare i cittadini". Lo scopo della legge era quello di "distruggere tutto" tutti "predicazioni, dottrine e opinioni di questa setta malvagia". Pertanto, tutte le persone in possesso di "tali libri o scritti di tale dottrina e opinioni malvagi" è stato ordinato di consegnare tutti tali libri e scritti alle autorità diocesane, entro quaranta giorni dalla legge di essere promulgata, in modo da far loro essere bruciati e distrutta. Coloro che non riuscendo a dare i loro libri eretici sarebbe affrontare la prospettiva di essere arrestato e avendo i loro corpi così come i loro libri bruciati.

I libri di Wycliffe (a Praga)

Nel 1410 John Wycliffe 's libri sono stati bruciati dal analfabeti Praga arcivescovo Zbyněk Zajíc z Házmburka nel cortile del suo palazzo nel quartiere Malá Strana di Praga, ad ostacolare la diffusione di Jan Hus 'insegnamento s.

Codici dei popoli conquistati dagli Aztechi (da Itzcoatl)

Secondo il Codice di Madrid , il quarto tlatoani Itzcoatl (sentenza dal 1427 (o 1428) al 1440) ordinò il rogo di tutte le storiche codici perché "non era saggio che tutte le persone dovrebbero sapere i dipinti". Codice di Madrid , VIII, 192 V , come citato in León-Portilla, p. 155 Nota che León-Portilla trova tra gli altri scopi, questo ha permesso lo stato azteco di sviluppare una storia e mito-stato sancito che venera il dio azteco Huitzilopochtli .

Primo periodo moderno (1492-1650)

Library and archives of the Novgorod Republic (by Ivan III and Ivan IV)

In the course of the Novgorod Republic 's conquest and subjugation by the rising power of Muscovy , the Republic's library and archives were destroyed, simultaneously with many of the republic's citizens being massacred and tortured and its wealth being looted. The library's destruction can be variously dated either to Novgorod's conquest by Ivan III in 1478, or to the 1570 Massacre of Novgorod perpetrated by his grandson Ivan IV .

Non-Catholic books (by Torquemada)

In the 1480s

Decameron, Ovid and other "lewd" books (by Savonarola)

In 1497, followers of the Italian priest

Bernardino de Sahagún's manuscripts on Aztec culture (by Spanish authorities)

The 12-volume work known as the

Luther's Bible translation

Uriel da Costa's book (By Jewish community and city authorities in Amsterdam)

The 1624 book An Examination of the Traditions of the Pharisees , written by the dissident Jewish intellectual

Marco Antonio de Dominis' writings (in Rome)

The theologian and scientist

Early Modern Period (from 1650 until the turn of the 19th century)

Books burned by civil, military and ecclesiastical authorities between 1640 and 1660 (in Cromwell's England)

Sixty identified printed books, pamphlets and broadsheets and 3 newsbooks were ordered to be burned during this turbulent period, spanning the English Civil War and Oliver Cromwell 's rule.

Earl of Worcester's library (by New Model Army)

Durante l'

Book criticising Puritanism (in Boston)

The first book burning incident in the Thirteen Colonies occurred in Boston in 1651 when William Pynchon , founder of Springfield, Massachusetts , published The Meritorious Price of Our Redemption , which criticised the Puritans , who were then in power in Massachusetts . The book became the first banned book in North America, and subsequently all known copies were publicly burned. Pynchon left for England prior to a scheduled appearance in court, and never returned.

Quaker books (in Boston)

In 1656 the authorities at Boston imprisoned the

Great Fire (London)

Nel 1666, durante la

Hobbes books (at Oxford University)

In 1683 several books by

Swedish National Archives

In 1697, gross negligence caused the burning down of the Tre Kronor in Stockholm, including the National Library and its archives, resulting in irreparable loss of much information about centuries of Swedish history.

Mythical (and/or mystical) writings of Moshe Chaim Luzzatto (by rabbis)

During the 1720s rabbis in Italy and Germany ordered the burning of the

Protestant books and Bibles (by Archbishop of Salzburg)

In 1731 Count Leopold Anton von Firmian –

Amalasunta (by Carlo Goldoni)

In 1733, Venetian playwright

The writings of Johann Christian Edelmann (by Imperial authorities in Frankfurt)

In 1750, the Imperial Book Commission of the Holy Roman Empire at Frankfurt/Main ordered the wholesale burning of the works of Johann Christian Edelmann , a radical disciple of Spinoza who had outraged the Lutheran and Calvinist clergies by his Deism , his championing of sexual freedom and his asserting that Jesus had been a human being and not the Son of God. In addition, Edelmann was also an outspoken opponent of royal absolutism . With Frankfurt's entire magistracy and municipal government in attendance and seventy guards to hold back the crowds, nearly a thousand copies of Edelmann's writings were tossed on to a tower of flaming birch wood. Edelmann himself was granted refuge in Berlin by Friedrich the Great , but on condition that he stop publishing his views.

Books that offended Qianlong Emperor

Ioannis Metaxas , who held dictatorial power in Greece between 1936 and 1941, conducted an intensive campaign against what he considered Anti-Greek literature and viewed as dangerous to the national interest . Targeted under this definition and put to the fire were not only the writings of dissident Greek writers, but even works by such authors as Goethe , Shaw , and Freud .

Pompeu Fabra's library (by Franco's troops)

In 1939, shortly after the surrendering of Barcelona , Franco's troops burned the entire library of Pompeu Fabra , the main author of the normative reform of contemporary Catalan language , while shouting "¡Abajo la inteligencia!" (Down with intelligentsia!). .

Seconda Guerra Mondiale

Norman Lindsay's artistic work (by anti-pornography US officials)

In 1940 the Australian artist Norman Lindsay sought to make his artistic work safer from the recently started World War II by sending 16 crates of paintings, drawings and etchings to safekeeping in the US However, many of these works were of frank and sumptuous nudes, very daring by the standards of the time. When they were discovered due to the train they traveled in catching fire, they were impounded and burned as "pornography" by American officials. Lindsay's older brother Lionel remembers Norman's reaction was, "'Don't worry, I'll do more.' And he did."

Leuven University Library (by World War II German occupation troops)

In May 1940, during

Chinese libraries (by World War II Japanese troops)

During World War II, Japanese military forces destroyed or partly destroyed numerous Chinese libraries, including libraries at the National University of Tsing Hua , Peking (lost 200,000 of 350,000 books), the University Nan-k'ai , T'ien-chin (totally destroyed, 224,000 books lost), Institute of Technology of He-pei , T'ien-chin (completely destroyed), Medical College of He-pei , Pao-ting (completely destroyed), Agricultural College of He-pei , Pao-ting (completely destroyed), University Ta Hsia , Shanghai (completely destroyed), University Kuang Hua , Shanghai (completely destroyed), National University of Hunan (completely destroyed). In addition other libraries had some or all of their collection removed to Japan, including the University of Nanking , Royal Asiatic Society in Shanghai, University of Shanghai , and Soochow University

Works in the British Museum (by German bomber planes)

In September 1940 during the Blitz in London, a plane commanded by Nazi Germany dropped a bomb on the British Museum . It is not believed that it was intended to hit the Museum in particular, but 124 volumes were destroyed and 304 other volumes were damaged past repair.
From May 10–11, 1941, the Museum's book collections (now the British Library ) were bombed again, this time burning more than 150,000 books.

Jean Genet's "Our Lady of the Flowers" (by French prison guard)

In 1943 Jean Genet - then an obscure petty criminal - underwent one of the many prison terms in his life. The prison authorities provided to prisoners sheets of rough brown papers, from which they were supposed to make papers. Instead, Genet used the paper to write a largely autobiographical book which would eventually be named Notre Dame des Fleurs ( Our Lady of the Flowers ). As later recounted by Jean-Paul Sartre in his forward to the book, a prison guard discovered that the prisoner Genet had been making this "unauthorized" use of the paper, confiscated the manuscript and burned it. Undaunted, Genet wrote it all over again. The second version survived and Genet took it with him when leaving the prison. It was this book which eventually established Genet's literary credentials and enabled him to leave the world of crime and become an internationally-known author.

André Malraux's manuscript (by the Gestapo)

Durante l'

Various libraries in Warsaw, Poland (during World War II)

Much of that ignited the war in 1939, 15% in the reorganization of Warsaw and the first Warsaw Ghetto Uprising , 25% in the second and far more famous Uprising, and the last 35% due to systematic German actions after the Uprising was defeated. 14 libraries, not including the libraries in the University of Warsaw and the Warsaw Institute of Technology that were also razed, were completely burned to the ground. German Verbrennungskommandos (Burning detachments) were responsible for much of the targeted attacks on libraries and other centers of knowledge and learning.
In October 1944, the National Library of Poland 's manuscript collection was burned to erase Polish national history .
In 1987, the Nasir-i Khusraw Foundation was established in Kabul , Afghanistan due to the collaborative efforts of several civil society and academic institutions, leading scholars and members of the Ismaili community. This site included video and book publishing facilities, a museum, and a library. The library was a marvel in its extensive collection of fifty-five thousand books, available to all students and researchers, in the languages of Arabic, English, and Pashto. In addition, its Persian collection was unparalleled – including an extremely rare 12th-century manuscript of Firdawsi 's epic masterpiece The Book of Kings ( Shāhnāma ) . The Ismaili collection of the library housed works from Hasan-i Sabbah and Nasir-i Khusraw , and the seals of the first Aga Khan . With the withdrawal of the Soviet forces from Afghanistan in the late 1980s and the strengthening of the Taliban forces, the library collection was relocated to the valley of Kayan . However, on August 12, 1998, the Taliban fighters ransacked the press, the museum, the video facilities and the library, destroying some books in the fire and throwing others in a nearby river. Not a single book was spared, including a thousand-year-old Quran .

21st Century

Berkeley book burning

In 2001, UC Berkeley students burned copies of Daniel J. Flynn 's book on Mumia Abu-Jamal after verbally shouting him down during his scheduled speech.

Abu Nuwas poetry (by Egyptian Ministry of Culture)

In January 2001, the Egyptian Ministry of Culture ordered the burning of some 6,000 books of homoerotic poetry by the well-known 8th Century Persian-Arab poet Abu Nuwas , even though his writings are considered classics of Arab literature.

Independent Librarians (in Cuba)

In 2003 "Independent Librarians" were put on trial in strongly condemned these book burnings.

Iraq's national library, Baghdad 2003

Following the 2003 invasion of Iraq , Iraq's national library and the Islamic library in central Baghdad were burned and destroyed. The national library housed rare volumes and documents from as far back as the 16th century, including entire royal court records and files from the period when Iraq was part of the Ottoman Empire . The destroyed Islamic library of Baghdad included one of the oldest surviving copies of the Qur'an .

Harry Potter books (in various American cities)

There have been several incidents of Harry Potter books being burned, including those directed by churches at Alamogordo , New Mexico and Charleston, South Carolina in 2006. See Religious debates over the Harry Potter series .
On December 19, 2011, protesters against the military government in Egypt, burnt the library in the Institute d'Egypt in Cairo. Images of men on TV were shown dancing around the fire. They burnt thousands of rare books, journals and writings. The cost of the material is estimated at tens of millions of dollars – much that was lost was considered priceless.

Suspected Colorado City incident

Sometime during the weekend of April 15–17, 2011, books and other items designated for a new

Qur'ans in Afghanistan

On February 22, 2012, 4 copies of the Qur'an were burned at Bagram Airfield due to being among 1,652 books slated for destruction. The remaining books, which officials claimed were being used for communication among extremists, were saved and put into storage.

Climate change book at San Jose State University

In May 2013, two San Jose State University professors, department chair Alison Bridger, Ph.D. and associate professor Craig Clements, Ph.D., were photographed holding a match to a book they disagreed with, The Mad, Mad, Mad World of Climatism , by Steve Goreham. The university initially posted it on their website, but then took it down.

Manuscripts in Timbuktu

Islamist rebels in Timbuktu (in the breakaway region of Azawad in Mali ) reportedly burned two libraries containing thousands of the Timbuktu Manuscripts on 27–28 January 2013. Dating back as far as 1202 and written in such languages as Arabic , Songhai , Tamasheq , Bambara , Hebrew , and Turkish , the writings were almost wholly undigitised. Notable works included copies of the Tarikh al-Sudan and Heinrich Barth 's letters of recommendation. The rebels are described as being affiliated with AQIM .

Vedi anche

Riferimenti

Collegamenti esterni